COMUNICAZIONE

 

Piccoli o grandi, tutti gli imprenditori che abbiamo incontrato negli anni hanno sempre lo stesso problema: giunti a una fase precisa del loro business sentono di dover dare una voce chiara e distinta alla propria azienda, prodotto o brand.

Raggruppa 19681

Creazione del BRAND - dal logo all'immagine coordinata

Il posizionamento della tua azienda è tutto. La prima cosa che faremo per costruire il presente e il futuro della tua impresa è analizzare il contesto generale: partiremo da uno studio che ci permetterà di delineare l'identità del brand, i suoi mercati di riferimento, il pubblico e gli stakeholder interessati a interagire.

Raggruppa 19683

Sviluppo degli strumenti di COMUNICAZIONE

Ogni business ha delle caratteristiche precise rese tali dalla proposta commerciale e dal target cui è destinata. Alcuni strumenti di comunicazione derivano dal secondo di questi due aspetti (il target) mentre altri sono "impossibili" da dimenticare nel XXI secolo. Studiare il giusto mix di strumenti è fondamentale per avere una comunicazione sostenibile e profittevole.

Raggruppa 19684

Sviluppo e attuazione del piano MARKETING

Come concretizzare lo scambio di valore con clienti attuali e futuri? Creando messaggi diretti e personalizzati, da veicolare sui tuoi canali in funzione delle regole di ciascuno di essi. Il piano marketing della tua azienda deve essere (nel 99% dei casi) un insieme di strumenti online e offline. Questi devono lavorare in sinergia per essere efficaci.

Vediamo quali sono i principali servizi:

Sappiamo che ogni azienda è una storia a sé. Esistono degli standard di base per la comunicazione ma ogni progetto va disegnato in funzione della realtà aziendale bilanciando gli investimenti tra necessità di comunicazione e potenzialità di budget.

I touch point sono tutti i canali di comunicazione che la tua azienda ha, o che dovrebbe avere. La scheda Google My Business, il sito web, i social... questi solo alcuni esempi.

Il target, o per meglio dire le persone, usano i canali in modo differente e non tutti sono presenti su ogni piattaforma. Ad esempio a diversa generazione corrisponde un social preferito e alcuni del tutto esclusi. Quindi a volte si rivela necessario un mix di piattaforme.

L'analisi dei touch point attivi, o di quelli da attivare, serve proprio a fare chiarezza su come un'azienda deve comunicare alle persone. Stabilisce come impostare l'infrastruttura di comunicazione per toccare il pubblico che, sottolineiamo, si comporta sui vari canali in maniera differente (quando li usa tutti o ne usa molti).

L'identità di un brand è ciò che lo posiziona nella mente del cliente. Linee, colori e stile sono la base dell'esperienza che le persone vivono. È ciò che acquistano prima che il prodotto dimostri la sua qualità. Per trasmettere questa esperienza dobbiamo comunicarla: un concetto semplice, chiaro ma di forte impatto.

Chiaramente sono indispensabili anche gli strumenti per comunicarla e anche questi vanno prima progettati e poi realizzati.

Prendiamo ad esempio il sito web: per trasferire la tua identità e il servizio/prodotto offerto va disegnata l'esperienza utente. Bisogna progettare pagina per pagina, sezione per sezione, tenendo bene a mente l’obiettivo generale che si deve raggiungere e il percorso che vogliamo far fare all'utente. Con questo approccio quello che sviluppiamo smette di essere una vetrina online e diventa uno strumento di lavoro misurabile.

Questa metodologia vale per ogni canale di comunicazione.

Avere diversi strumenti (o canali) di comunicazione è sicuramente necessario, ma questi devono coesistere e coadiuvarsi l'un l'altro. Altrimenti per il tuo potenziale cliente è come stare in una stanza dove tutti parlano insieme e non si capisce cosa stanno dicendo.

Capita più spesso di quanto non si creda. Basti pensare che Google My Business è il primo social network che ogni azienda dovrebbe avere ma anche quello meno curato. È il primo canale di ricerca e i più sono inconsapevoli del fatto che Google stesso apre una posizione per un'azienda non appena la localizza, anche se questa non la vuole. Addirittura c'è chi scopre di avere delle recensioni che non ha mai nemmeno visto!

Avere più canali (ONLINE - OFFLINE - ON AIR) è necessario perché ognuno ha un suo target e, per di più, può servire uno scopo preciso in quello che si chiama customer journey, il viaggio che porta una persona a diventare cliente di un brand.

Guardando tutto questo nel suo insieme e comprendendone lo scopo, si capisce quanto sia indispensabile che tutto sia correttamente configurato, collegato e sorvegliato.

Tutto questo è possibile grazie a

1Z3A1888

Stefania Bosi

info@uniservind.it

SEI INTERESSATO AL TEMA

E VUOI APPROFONDIRE CON IL NOSTRO STAFF?

Compila il form per richiedere una consulenza.
Desidera ricevere il listino convenzionato 2023 per i servizi di comunicazione?